MISSION & VISION DEL NEUREC:

Il NEUREC si preffigge, anzitutto, l’obiettivo di rilevare lo stato dell’arte e i risultati sinora prodotti in campo neuroscientifico ed economico.
Lo scopo di tale indagine non è solo quello di documentarsi sul fondamento, sulle domande, le risposte che sino ad oggi sono state autorevolmente fornite, ma è quello di aprire gli orizzonti della riceca a nuovi scenari di indagine. Si ritiene necessario indagare sulle eventuali distorsioni comportamentali dell’uomo odierno sottoposto alle pressioni di un sistema socio-economico critico che lo circonda.
Lungi dal considerare l’uomo economico come soggetto che agisce esclusivamente in modo razionale, l’Osservatorio si propone di approfondire l’insieme di altri fattori che incidono sul comportamento umano.

S.W.O.T. Analysis delle NEUROSCIENZE ALLO STATO ATTUALE e CONTRIBUTO CHE PUO’ ESSERE APPORTATO DAL NEUREC:
STRENGTHS
Punti Forza
WEAKNESSES
Punti Deboli
OPPORTUNITIES
Opportunità
THREATS
Minacce
– Analisi scientifica sperimentale in continua evoluzione ed espansione: sempre maggiori ricerche in questo ambito si avvalgono di tecnologie sempre più sofisticate.- La mappatura cerebrale consentirà di conoscere sempre di più la complessità dell’organo cerebrale e ci consentirà di prevenire e curare le malattie che lo danneggiano. – La ricerca nel nostro Paese si scontra quotidianamente principalmente con l’assenza di finanziamenti e ciò fa sì che molto del nostro potenziale vada disperso.- Non esiste ancora, ad oggi, una ricerca completa ed esaustiva che si preoccupi di studiare efficacemente l’analisi decisionale etica che precorre un dato comportamento.- Non esistono studi economici che coniughino il bagaglio di conoscenze medico-scientifiche con l’economia, con l’etica e con

l’etica dell’economia.

Ogni punto debole, si sa, che è, per contro, un’opportunità.

– La carenza di investimenti nella ricerca in questo ambito può essere colmata ricorrendo a bandi di Euro Progettazione seria, inerenti lo sviluppo e la crescita delle conoscenze scientifiche.

– Colmare le lacune nei settori precedentemente indicati può essere il compito assolto sinergicamente da un team che veda coinvolti: medici, scienziati, psicologi e economisti. Si tratta di un campo infinito di ricerca che ci coinvolge tutti.

– La minaccia principale è costituita all’assenza di una visione coerente ed organica che abbracci tutti i campi di esperienza coinvolti e che sia in grado di metterli proficuamente a sistema.

– Il team work necessita di una visione ma anche di una puntuale rendicontazione nel tempo per sapere dove siamo, dove stiamo andando e quanto manca al raggiungimento dei tanti piccoli traguardi che ci si prefigge lungo il percorso. Sono necessari quindi delle aree di Project Managing, Resource Making.

NEUROSCIENZA Campo di studio che afferisce a tutte le varie discipline scientidìfiche che hanno a che fare con
la struttura, lo sviluppo, la funzione e i processi chimici e medici rigardanti il sistema nervoso e
cerebrale.
NEUROECONOMIA Cervello e Teoria delle Decisioni.
Dilemma del prigioniero e come il nostro cervello seleziona le alternative e prende le decisioni
rispondendo all’asimmetria informativa. Tale disciplina si prefigge come obiettivo quello di costruire
un modello biologico dei processi decisionali.
ANALISI DIFFERENZIALE
Problem Solving; Decision Making; Comportamento economico osservabile
NEUROFISCALITA’
&
NEUROETICA
Ambito di indagine sperimentale del gruppo di rcierca costituitosi in INR. Obiettivo prioritario di tale
indagine è quello di indagare i procementali che sono alla base delle decisioni in ambito tributario e
fiscale. Inoltre si intende creare una sorta di “fisiognomica” dell’impresa che trasgredisce le fregole e
dell’evasore.
La Neuroetica è direttamente collegata con tale disciplina poiché indaga i processi alla base dei
comportamenti umani etici o meno.

Sitografia:

http://acarrara.blogspot.it/
http://www.corriere.it/salute/neuroscienze/16_novembre_03/neuroeconomia-cosi-nostro-cervello-prende-decisioni-ec03817a-a1d5-11e6-9c60-ebb37c98c030.shtml
http://www.cresa.eu/progetti-di-ricerca/neuroeconomia/

Pagina in allestimento

Osservatorio NeurEc Bibliografia essenziale

Con il presente contributo si vuol dare  una prima idea delle possibili letture base riguardanti 7 macroaree: Neuroscienze cognitive, Filosofia della mente, Neuroni Specchio, Neuroeconomia, Economia comportamentale e decision making, Neuromarketing, Neuroetica.

Il percorso da seguire per avere una conoscenza base teorica della moderna Neuroeconomia non può prescindere dalle conoscenze base delle Neuroscienze cognitive, per questo sono inseriti due dei maggiori manuali in materia: il Kandel e il Gazzaniga, quest’ultimo tradotto da due grandi neuropsicologi italiani. Poi si prosegue con la lettura e la riflessione di moderni neuroscienziati e filosofi come Damasio, Goleman, Churchland, LeDoux, Umiltà, Bauman, per citarne alcuni, che ci illuminano sulle conoscenze attuali riguardo il rapporto tra mente e cervello, tra coscienza e percezione, tra emozioni e comportamento umano. Dalle Neuroscienze cognitive, il NeurEc concentra la sua attenzione sui neuroni specchio, come base di un grande filone di osservazione e ricerca. Quindi si cita Giacomo Rizzolati, scopritore dei neuroni specchio, e altri autori, a favore e contro le moderne teorie sull’argomento.

Le aree successive si concentrano proprio sul rapporto specifico tra Neuroscienze ed Economia, citando autori che si sono occupati di definire da un punto di vista scientifico e pratico il concetto di Neuroeconomia e Neuromarketing, ma anche quello riguardante il rapporto tra il nostro comportamento, le nostre emozioni, le nostre intenzioni e le nostre scelte economiche e finanziarie.

Infine, è sembrato doveroso ritornare alla filosofia portando dei contributi sulla Neuroetica, ovvero sullo stretto rapporto tra scelte economiche e moralità.

 

Neuroscienze cognitive

Traduttore: A. Zani, A. M. Proverbio

Editore: Zanichelli

Anno edizione: 2015

Curatore: V. Perri, G. Spidalieri

Editore: CEA

Anno edizione: 2014

 

Filosofia della mente

Traduttore: F. Macaluso

Editore: Adelphi

Anno edizione: 1995

  • Intelligenza emotiva. Che cos’è e perché può renderci felici, Daniel Goleman

Traduttore: I. Blum, B. Lotti

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Anno edizione: 2011

  • Vedere le cose come sono. Una teoria della percezione, John R. Searle

Curatore: P. Spinicci, D. Bordini

Editore: Cortina Raffaello

Anno edizione: 2016

Traduttore: G. Guerriero

Editore: Cortina Raffaello

Anno edizione: 2014

  • Il cervello emotivo. Alle origini de